Sabato, 18 Novembre 2017

Dirigenti e preposti

Definizione e individuazione

«dirigente»: persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l’attività lavorativa e vigilando su di essa;

«preposto»: persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa.

L’individuazione delle effettive figure di dirigente e preposto passa attraverso due concetti sostanziali:

principio di supremazia – “chiunque, in qualsiasi modo, abbia assunto posizione di preminenza rispetto ad altri lavoratori così da poter loro impartire ordini, istruzioni o direttive sul lavoro da eseguire“;

principio di effettività – “chi dà in concreto l’ordine di effettuare un lavoro, anche se non impartisce direttive circa le modalità di esecuzione, assume di fatto la mansione di dirigente“.

Quali differenze

“Per dirigenti si intendono i dipendenti che hanno il compito di impartire ordini ed esercitare la necessaria vigilanza, in conformità alle scelte di politica d’impresa adottate dagli organi di vertice che formano la volontà dell’ente (essi rappresentano, dunque, l’alter ego del datore di lavoro, nell’ambito delle competenze loro attribuite e nei limiti dei poteri decisionali e di spesa loro conferiti);”

“i preposti sono, invece, coloro i quali vigilano sull’attività lavorativa degli altri dipendenti, per garantire che essa si svolga nel rispetto delle regole prevenzionali, e che sono forniti di un limitato potere di impartire ordini e istruzioni, peraltro di natura tendenzialmente (a volte meramente) esecutiva”.

Inoltre, come ha chiarito la Corte di Cassazione Penale (n. 7999/1988), l’individuazione “va compiuta non tanto in relazione alla qualifica rivestita nell’ambito dell’organizzazione aziendale ed imprenditoriale quanto, soprattutto, con riferimento alle reali mansioni esercitate” e “la qualifica e le responsabilità del preposto non competono soltanto ai soggetti forniti di titoli professionali o di formali investiture, ma a chiunque si trovi in una posizione di supremazia, sia pure embrionale, tale da porlo in condizioni di dirigere l’attività lavorativa di altri operai soggetti ai suoi ordini; in sostanza preposto può essere chiunque, in una formazione per quanto piccola di lavoratori, esplichi le mansioni di caposquadra al di fuori della immediata direzione di altra persona a lui soprastante”

Come individuare preposti e dirigenti

Sebbene non sia prevista una nomina specifica e documentata e il ruolo sia sostanzialmente determinato dallo stato “di fatto”, è bene che il ruolo di dirigenti e preposti sia definito nell’ambito di:

  • organigramma aziendale;
  • documento di valutazione dei rischi.

D.Lgs. n. 81/2008, Articolo 299 – Esercizio di fatto di poteri direttivi: “Le posizioni di garanzia relative ai soggetti di cui all’articolo 2, comma 1, lettere b) [datore di lavoro], d) [dirigente] ed e) [preposto], gravano altresì su colui il quale, pur sprovvisto di regolare investitura, eserciti in concreto i poteri giuridici riferiti a ciascuno dei soggetti ivi definiti”.

Generalmente farmacia in grado di fornire ai loro clienti con trattamenti originali per diverse malattie. Alcuni di noi sanno che i rimedi sono fatti per curare le malattie, ma noi può danneggiare se assunto in modo non corretto. Ci sono solo alcuni esempi. Kamagra è un farmaco usato per il trattamento di malattie variante. Cosa devi sapere su "http://kamagra-online24.com/it/100mg.html"? Ha saputo qualcosa su ""? (Per saperne di più ""). I sintomi di problemi sessuali negli uomini includono impossibilità di tenere un'erezione sufficiente per il funzionamento sessuale. noto anche come impotenza è definita come l'incapacità di raggiungere un'erezione adeguata per un rapporto. servizi sessuologo on-line sono l'unica opzione sicura, se avete intenzione di ordinare farmaci, come Kamagra, on-line.

Progettazione di prevenzione incendi

Download attachments: DPR151-2011.pdf

Vedi link: vigilfuoco.it

La prevenzione incendi secondo la legge italiana, indica il complesso delle attività finalizzata alla prevenzione del rischio e/o finalizzate ad evitare il sorgere diincendi.

All'interno dei luoghi di lavoro, è d'obbligo per i datore di lavoro, redare una valutazione dei rischi, come stabilito dal testo unico sulla sicurezza sul lavoro, che comprende la valutazione e la prevenzione di un eventuale incendio. Dato che quest'ultimo può creare seri danni al lavoratore, come ad esempio: un'azione termica, la riduzione della visibilità, anossia, un'azione tossica dei fumi.

Cause comuni di un incendio

  • Utilizzo non corretto di impianti di riscaldamento portatili
  • negligenza nell'uso di fiamme libere
  • fumare in aree dove è proibito
  • ostruire la ventilazione di apparecchi elettrici, di ufficio (…)
  • impianti elettrici difettosi o sovraccarichi etc.

Sorgenti di innesco

Si suddividono in quattro categorie:

  1. Accensione diretta: una scintilla, ad esempio, entra in contatto con un materiale combustibile in presenza di ossigeno.
  2. Accensione indiretta: avviene per convezione, conduzione e irraggiamento termico.
  3. Attrito: avviene per sfregamento di due materiali.
  4. Autocombustione o riscaldamento spontaneo:'’’ esempio, reazioni chimiche, lenti processi di ossidazione; dove il calore è prodotto dal combustibile.

Classificazione degli incendi

A seconda dello stato fisico dei materiali combustibili possiamo distinguere quattro classi:

  1. classe A: incendi di materiali solidi
  2. classe B: incendi di liquidi infiammabili
  3. classe C: incendi di gas infiammabili
  4. classe D: incendi di metalli combustibili

Questa distinzione consente di scegliere l'estinguente adeguato ed una precisa azione operativa antincendio.

Sostanze estinguenti

  1. ACQUA: abbassa la temperatura del combustibile, sostituzione dell'ossigeno con vapore acqueo (soffocamento), diluizione delle sostanze infiammabili solubili in acqua.
  2. POLVERI: particelle a base di potassio, fosfati, bicarbonato di sodio e sali organici; (separazione di combustibile e comburente e raffreddano il combustibile incendiato).
  3. SCHIUMA: raffreddamento e divisione di combustibile da comburente.
  4. GAS INERTI: anidride carbonica e azoto, riducono la percentuale di comburente impedendo la combustione.

Ci sono fondamentalmente tre metodi per spegnere un incendio:

1. ESAURIMENTO DEL COMBUSTIBILE;

2. SOFFOCAMENTO;

3. RAFFREDDAMENTO;

Prevenzione

Con la prevenzione si vuole ridurre al minimo il rischio che l'incendio avvenga.

Per calcolare il Rischio si moltiplica la Frequenza per la Magnitudo, la frequenza indica la probabilità che l'evento si verifichi in un determinato intervallo di tempo, la magnitudo indica l'entità dei possibili danni. Se si vuole ridurre la frequenza si attua un'azione di prevenzione; se si lavora sulla magnitudo si fa protezione.

Il datore di lavoro deve analizzare le cause più comuni di incendio, dare informazione e formazione antincendio e prestabilire manutenzioni (ordinarie e straordinarie).

Bisogna porre particolare attenzione: ai rifiuti e scarti combustibili, ai depositi di materiali infiammabili, all'utilizzo di fonti di calore, agli impianti elettrici e cercare di tenere controllate le aree non frequentate.

Il datore di lavoro dovrà per cui predisporre regolari verifiche per garantire l'efficienza dei dispositivi antincendio e per eliminare eventuali cause o danni ad impianti che potrebbero pregiudicare l'incendio.

Altri possibili accorgimenti sono una corretta realizzazione e manutenzione di:

  1. Impianti elettrici: realizzare impianti idonei, che evitino cortocircuiti, contatti lenti, surriscaldamenti dei cavi etc.
  2. Impianti parafulmine.
  3. Ventilazione dei locali.
  4. Collegamento elettrico a terra: evitano l'accumulo di cariche elettrostatiche.
  5. Utilizzare materiali e strutture incombustibili.
  6. Utilizzare strumenti anti-scintilla.

Il secondo step è la Protezione.

Essa può essere PASSIVA o ATTIVA. Quella passiva non richiede l' intervento di un uomo o di un impianto ma consiste in:

  1. Barrire antincendio: come ad esempio, muri tagliafuoco, isolamento dell'edificio, distanze di sicurezza esterne ed interne etc.
  2. Materiali classificati per la reazione al fuoco.
  3. Sistemi di ventilazione.
  4. Vie d' uscita consone.

Quella attiva richiede l'intervento dell'uomo o di un impianto:

  1. Rete idrica antincendi.
  2. Estintori.
  3. Impianti di rilevazione e spegnimento automatici.
  4. Evacuatori di fumi e calore.
  5. Dispositivi di segnalazione ed allarme.

La cosa fondamentale è avere sempre un PIANO DI EMERGENZA; (questo include il piano di evacuazione).

Riferimenti normativi

D.P.R. 1º agosto 2011, n. 151, D.Lgs. n. 81/2008, art. 46 (Obblighi per il datore di lavoro). Direttiva 2006/42/CE, Allegato I, punto 1.5.6, <<Incendio>> (Obblighi per il costruttore). Decreto del Ministero dell'Interno 10 marzo 1998, Allegato I (Modalità di analisi del rischio). Decreto del Ministero dell'Interno 9 maggio 2007 (Approccio ingegneristico).

Generalmente farmacia in grado di fornire ai loro clienti con terapia originali per diverse malattie. Alcuni di noi sanno che i rimedi sono fatti per curare le malattie, ma noi può danneggiare se assunto in modo non corretto. Ci sono solo alcuni esempi. Kamagra è un farmaco usato per il trattamento di malattie variante. Cosa devi sapere su "http://kamagra-online24.com/it/100mg.html"? Ha saputo qualcosa su ""? (Per saperne di più ""). I sintomi di problemi sessuali negli uomini includono impossibilità di mantenere un'erezione sufficiente per il funzionamento sessuale. noto anche come impotenza è definita come l'incapacità di raggiungere un'erezione adeguata per un rapporto. servizi sessuologo on-line sono l'unica opzione sicura, se avete intenzione di ordinare farmaci, come Kamagra, on-line.

R.S.P.P./A.S.P.P.

FORMAZIONE PER I RESPONSABILI E ADDETTI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE:
MODULI A, B, C E CORSI DI AGGIORNAMENTO

Il 14/02/06 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n° 37,l'Accordo tra il Governo e le Regioni e Province autonome in attuazione dell’articolo 2 del D.Lgs. 23 giugno 2003 n. 195 in materia di requisiti professionali per i Responsabili e Addetti ai Servizi di Prevenzione e Protezione dai rischi.
A seguito di varie richieste di chiarimento, la Conferenza Stato Regioni e province autonome ha pubblicato il 5 ottobre 2006 alcune linee guida utili a chiarire alcuni aspetti legati alla formazione in oggetto.Accordo 05/10/2006

I requisiti professionali individuati sono:

  • il possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore;
  • frequenza a specifici corsi di formazione;

Tali percorsi formativi sono diversi e variano a seconda dell’anzianità della nomina e del settore produttivo dell’azienda presso cui si è assunto l’incarico.

In particolare i corsi vengono suddivisi in diversi moduli:

Modulo A
Formazione di base comune a RSPP e ASPP:

  • Indipendente dai macrosettori Ateco. (codice attività economica);
  • Propedeutica ai successivi moduli;
  • Costituisce credito formativo permanente;
  • Durata 28 ore.

Modulo B
Formazione tecnica e specialistica adeguata alla natura dei rischi presenti nei vari comparti produttivi e comune a RSPP e ASPP.

  • I moduli B sono individuati facendo riferimento alla classificazione ATECO 2004, e suddivisi in 9 macrosettori (sulla base dell’analogia tra rischi specifici dei vari comparti).
  • Tabella di conversione codici ATECO;
  • Dal termine del corso decorre l’obbligo di aggiornamento, che andrà periodicamente ripetuto nell’arco di tempo massimo di 5 anni;
  • Il modulo B NON è propedeutico al modulo C e va frequentato per ogni Macrosettore Ateco di attività per la quale si assume l’incarico;
  • Durata variabile da 12 a 68 ore a seconda del macrosettore di attività.

Modulo C
Formazione per i soli RSPP sui rischi di natura ergonomica e psico-sociale, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione e di relazioni sindacali.

  • Costituisce credito formativo permanente;
  • Durata 24 ore.

Tutti i corsi prevedono un test di valutazione dell’apprendimento, da svolgersi al di fuori del monte ore previsto.

AGGIORNAMENTO
Il successivo Aggiornamento degli RSPP ha una durata variabile di 40 e/o 60 ore a seconda del ruolo e del settore ATECO dell’azienda, mentre per gli ASPP è sempre di 28 ore. La data di decorrenza del quinquennio per i corsi di aggiornamento inizia dalla data di rilascio dell’attestato di frequenza del modulo B. Per gli RSPP di nuova nomina esonerati dei Moduli A e B, grazie al titolo di laurea (art. 32 D.Lgs. 81/08 commi 5 e 6), l’obbligo di aggiornamento ha decorrenza immediata.
Riepiloghiamo i prossimi corsi di aggiornamento RSPP/ASPP - ai sensi dell’art.32, comma 6 del D.Lgs. 81/08 - che riconoscono crediti formativi pari alla durata degli stessi, come previsto dell’accordo Stato-Regioni del gennaio 2006.

Generalmente farmacia in grado di fornire ai loro clienti con trattamenti originali per diverse malattie. Alcuni di noi sanno che i rimedi sono fatti per curare le malattie, ma noi può danneggiare se assunto in modo non corretto. Ci sono solo alcuni esempi. Kamagra è un farmaco usato per il trattamento di malattie variante. Cosa devi sapere su "http://kamagra-online24.com/it/100mg.html"? Ha saputo qualcosa su ""? (Per saperne di più ""). I sintomi di problemi sessuali negli uomini includono impossibilità di mantenere un'erezione sufficiente per il funzionamento sessuale. noto anche come impotenza è definita come l'incapacità di raggiungere un'erezione adeguata per un rapporto. servizi sessuologo on-line sono l'unica opzione sicura, se avete intenzione di ordinare farmaci, come Kamagra, on-line.

PES, PAV e PEI

Entrata in vigore la Norma CEI 11-27 III edizione ha rivoluzionato un po’ quello che sono le qualifiche e le modalità di esecuzione dei lavori elettrici in bassa tensione (fino a 1000 V c.a. o 1550 V c.c.). Una novità significativa che la Norma ha introdotto sono le figure di PES, PAV e PEI. L’articolo di oggi serve per far capire chi sono queste figure, quali sono i loro ruoli e l’eventuale formazione che va loro erogata per poter svolgere in piena sicurezza i lavori sugli impianti elettrici..

Definizione Delle Tre Categorie Di Lavoro Elettrico:

– Lavoro SOTTO TENSIONE: Lavoro elettrico eseguito su quadri, apparecchiature, o comunque parti attive di impianti elettrici che sono sotto tensione (ovvero collegate, attive e nel loro normale funzionamento)
– Lavoro FUORI TENSIONE: Lavoro elettrico eseguito su quadri, apparecchiature o parti di impianti elettrici normalmente in funzione a cui viene tolta tensione per l’esecuzione del lavoro
– Lavoro IN PROSSIMITÀ: Lavoro elettrico eseguito entro una certa distanza dalle parti attive di una qualsiasi apparecchiatura elettrica in condizioni di normale funzionamento e quindi in tensione.

Bene inoltre specificare che, al contrario di come ci si potrebbe aspettare, la realizzazione di un nuovo impianto elettrico NON È UN LAVORO ELETTRICO ma di fatto risulta essere un lavoro di tipo EDILE.

Figure Introdotte Dalla Norma CEI 11-27:

P.ES. (Persona ESperta): Una PES è una persona con conoscenze tecniche teoriche e con un’esperienza tali da permetterle di analizzare i rischi derivanti dall’elettricità e a svolgere i lavori elettrici in piena sicurezza. Una PES può svolgere lavori elettrici FUORI TENSIONE e IN PROSSIMITÀ;
– P.AV. (Persona AVvertita): Una PAV è una persona che è a conoscenza dei rischi derivanti dall’elettricità ed è in grado di svolgere i lavori elettrici in piena sicurezza. Di norma una PAV viene istruita da una PES o da una persona che comunque possiede le giuste conoscenze tecniche;
– PE.I. (PErsona Idonea): Una PEI è una persona in possesso dei requisiti per poter svolgere tutti i tipi di lavori elettrici, compresi quelli SOTTO TENSIONE;

Chi Può Essere Designato Come PES O Come PAV?

Nel caso di un lavoratore autonomo (artigiano elettrico per esempio) è sufficiente un’autocertificazione scritta da consegnare a chi commissiona un lavoro elettrico quando la stessa committenza la richieda. Per un lavoratore dipendente di un’azienda, invece, l’assegnazione del ruolo di PES o PAV è di esclusiva facoltà del datore di lavoro: la designazione deve essere fatta per iscritto e controfirmata dal lavoratore a cui viene attribuito il ruolo. In questo caso, il datore di lavoro, per determinare se il suo dipendente può essere un PES o un PAV, deve basarsi sulla sua preparazione coadiuvato da eventuale diploma o attestato di formazione del lavoratore o dal suo bagaglio di esperienza nel campo. Solo nel caso in cui il datore di lavoro ritenga una persona non in possesso delle capacità necessarie, allora viene richiesto al lavoratore di frequentare apposito corso di formazione PES / PAV con i contenuti specifici dettati dalla normativa CEI 11-27.

Chi non è tenuto a frequentare il corso dedicato alla formazione PES / PAV ?

– Operatore in possesso di diploma tecnico di scuola superiore (ITIS o IPSIA o comunque equivalente);
– Operatore elettrico che, a discrezione del datore di lavoro, è in possesso di tutti i requisiti necessari per essere definito PES o PAV
– Datore di lavoro o lavoratore autonomo in possesso dei requisiti tecnico/pratici dettati dalla norma CEI 11-27.

Chi Può Essere Designato Come PEI?

LUn lavoratore può essere designato come PEI (ovvero PErsona Idonea ad eseguire lavori elettrici SOTTO TENSIONE), invece, in due modi differenti: o frequentare un modulo di formazione apposito, oppure avvalersi di quella che viene definita “Formazione per affiancamento”, ovvero un vero e proprio addestramento ai lavori sotto tensione in affiancamento al datore di lavoro o ad una PEI già in essere.

Requisiti Basilari Per L’attribuzione Dei Ruoli PES / PAV

– Il primo aspetto riguarda l’istruzione, cioè la conoscenza ell’impiantistica elettrica, dei pericoli ad essa connessi e della relativa normativa di sicurezza;
– Il secondo aspetto riguarda l’esperienza di lavoro maturata, quale requisito per poter avere confidenza della conoscenza o meno delle situazioni caratterizzanti una o più tipologie di lavori e della maggior parte delle situazioni anche non ricorrenti;
– Il terzo aspetto riguarda le caratteristiche personali, quelle maggiormente significative dal punto di vista professionale, quali le doti di equilibrio, attenzione, precisione e ogni altra caratteristica che concorra a far ritenere l’operatore affidabile.

FONTI ARTICOLO
Norma CEI 11-27 III Edizione e Tecnologiaeambiente

Generalmente farmacia in grado di fornire ai loro clienti con trattamenti originali per diverse malattie. Alcuni di noi sanno che i rimedi sono fatti per curare le malattie, ma noi può danneggiare se assunto in modo non corretto. Ci sono solo alcuni esempi. Kamagra è un farmaco usato per il trattamento di malattie variante. Cosa devi sapere su "http://kamagra-online24.com/it/100mg.html"? Ha saputo qualcosa su ""? (Per saperne di più ""). I sintomi di problemi sessuali negli uomini includono impossibilità di tenere un'erezione sufficiente per il funzionamento sessuale. noto anche come impotenza è definita come l'incapacità di raggiungere un'erezione adeguata per un rapporto. servizi sessuologo on-line sono l'unica opzione sicura, se avete intenzione di ordinare farmaci, come Kamagra, on-line.

RLS

Il D.Lgs. 81/2008 ha introdotto delle novità rispetto alla legge 626/1994 sulla sicurezza dei lavoratori. Oltre ad innovare la precedente normativa, l’attuale Testo Unico ha ribadito la fondamentale importanza di alcune figure aziendali istituite per dare un ulteriore supporto ai lavoratori.

In particolare si tratta dei Rappresentanti dei Lavoratori per la sicurezza (RLS).

Questa figura aziendale è obbligatori in tutte le aziende, ma in base alle dimensioni delle stesse cambia la modalità di nomina del rappresentante.

Le regole attuali stabiliscono che nelle aziende o unità produttive con un massimo di 15 dipendenti il RLS è solitamente eletto dai lavoratori tra di loro.

Invece nelle aziende o unità produttive che contano più di 15 lavoratori il RLS è eletto o designato sempre dai lavoratori, ma all’interno delle rappresentanze sindacali aziendali.

Il numero dei rappresentanti non è predeterminato per legge, al contrario sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva.

Per quanto riguarda la modalità di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza aziendale il D.Lgs. 81/2008 sancisce che se non c’è una decisione in occasione della contrattazione collettiva, l’elezione è fissata lo stesso giorno in cui avviene lagiornata nazionale per la salute e la sicurezza sul lavoro all’interno della settimana europea per la salute e la sicurezza sul lavoro.

I principali compiti svolti dal RLS sono:

  • il potere di accesso nei locali aziendali dove si effettuano i lavori;
  • la consultazione preventiva sulla questione della valutazione dei rischi, della programmazione e della realizzazione della prevenzione aziendale;
  • la consultazione sulla designazione del responsabile e degli addetti dei servizi di prevenzione, tra i quali gli incendi, il primo soccorso, l’evacuazione dei luoghi di lavoro ed il medico competente;
  • la ricezione delle informazioni elaborate dal servizio di vigilanza;
  • la promozione delle attività che attengono le misure di prevenzione per tutelare i lavoratori;
  • l’obbligo di comunicare al datore di lavoro i rischi individuati durante il suo lavoro;
  • il potere di proporre ricorso alle autorità competenti se ritiene che le misure preventive presenti in azienda siano insufficienti a garantire la tutela fisica dei lavoratori.

Generalmente farmacia in grado di fornire ai loro clienti con trattamenti originali per diverse malattie. Alcuni di noi sanno che i rimedi sono fatti per curare le malattie, ma noi può danneggiare se assunto in modo non corretto. Ci sono solo alcuni esempi. Kamagra è un farmaco usato per il trattamento di malattie variante. Cosa devi conoscere su "http://kamagra-online24.com/it/100mg.html"? Ha saputo qualcosa su ""? (Per saperne di più ""). I sintomi di problemi sesso negli uomini includono impossibilità di mantenere un'erezione sufficiente per il funzionamento sessuale. noto anche come impotenza è definita come l'incapacità di raggiungere un'erezione adeguata per un rapporto. servizi sessuologo on-line sono l'unica opzione sicura, se avete intenzione di ordinare farmaci, come Kamagra, on-line.